1972 Ferrari Dino 246 GT

SOLD

Additional Info

  • Year built: 1972
  • Power: 195 BHP
  • Gearbox: 5 SPEED
  • Drive: RWD
  • Drive Position: LHD
  • Colour: FLY YELLOW (GIALLO FLY)
  • Matching Numbers: YES
  • Price: P.O.A

MORE DETAILS:

 History:

In the mid-1960s, Ferrari needed a production-based 2-litre engine for the new Formula 2 and conceived the mid-engined Dino to provide the necessary basis. The first of these 'junior' Ferraris – the 206GT – debuted at the Turin Motor Show in 1967. Building on experienced gained with its successful limited edition Dino 206S sports-racer of 1966, Ferrari retained the racer's mid-engined layout for the road car but installed the power unit transversely rather than longitudinally. A compact, aluminium-bodied coupé of striking appearance, the Pininfarina-styled Dino - named after Enzo Ferrari's late son Alfredino Ferrari and intended as the first of a separate but related marque - was powered by a 2.0-litre, four-cam V6 driving through an in-unit five-speed transaxle.

The motor's 180bhp was good enough to propel the lightweight, aerodynamically-efficient Dino to 230km/h and while there were few complaints about its performance, the high cost enforced by its aluminium construction hindered sales. A 2.4-litre version on a longer wheelbase - the 246GT - replaced the Dino 206 in late 1969. The body was now steel and the cylinder block cast-iron rather than aluminium but the bigger engine's increased power - 195bhp at 7,600rpm - was more than adequate compensation for the weight gain, as the Dino's top speed increased slightly to around 240km/h. A Targa-top version, the 246GTS, followed in 1972. While not as fast in a straight line as its larger V12-engined stablemates, the nimble Dino was capable of showing almost anything a clean pair of heels over twisty roads. Truly a driver's car par excellence. As the first series-produced, mid-engined Ferraris, the early Dino V6s are landmark cars. The line they founded would prove to be an immense commercial success for Maranello, production amounting to 2,487 GT coupés and 1,274 GTS spyders by the time the model was discontinued in 1974.

About the car:

This wonderful example is presented in Giallo Fly (Fly Yellow) with contrasting black leather interior, the latter featuring 'Daytona' seat inserts. Born in 1972 this matching numbers car had a full restoration performed in 2016 by Foskers Ferrari specialists which exceeded £400k. Since then the car has covered maintenance mileage and is in concours collectors condition.

Available by Veloce Classic Italia SRLS in Padova, Italy

DEPOSIT TAKEN

 

Storia:

A metà degli anni '60, la Ferrari aveva bisogno di un motore da 2 litri di serie per la nuova Formula 2 e concepì la Dino a motore centrale per fornire la base necessaria. La prima di queste Ferrari "junior", la 206GT, debuttò al Salone dell'Automobile di Torino nel 1967. Basandosi sull'esperienza acquisita con la Dino 206S da corsa sportiva in edizione limitata del 1966, la Ferrari mantenne il layout a motore centrale da corsa per l'auto da strada ma ha installato l'unità di potenza trasversalmente anziché longitudinalmente. Una coupé compatta con carrozzeria in alluminio dall'aspetto sorprendente, la Dino in stile Pininfarina - dal nome del defunto figlio di Enzo Ferrari, Alfredino Ferrari e concepita inizialemnte come un marchio separato ma collegato - era alimentata da un V6 da 2,0 litri a quattro camme che guidava attraverso un transaxle a cinque velocità in unità.

I 180 CV del motore erano abbastanza buoni da spingere la Dino leggera ed aerodinamicamente efficiente a 230 km/h e mentre c'erano poche lamentele riguardo alle sue prestazioni, l'alto costo imposto dalla sua costruzione in alluminio ne ostacolava le vendite. Una versione da 2,4 litri con passo più lungo - la 246GT - sostituì la Dino 206 alla fine del 1969. La carrozzeria era ora in acciaio e il monoblocco in ghisa anziché in alluminio, ma la maggiore potenza del motore più grande - 195 CV a 7.600 giri/min - era più che un'adeguata compensazione per l'aumento di peso, poiché la velocità massima della Dino è leggermente aumentata a circa 240 km/h. Una versione Targa-top, la 246GTS, seguì nel 1972. Pur non essendo veloce in linea retta come i suoi più grandi compagni di scuderia con motore V12, l'agile Dino era in grado di mostrare quasi tutto un paio di tacchi puliti su strade tortuose. Davvero un'auto da guida per eccellenza. Come le prime Ferrari a motore centrale prodotte in serie, le prime Dino V6 sono auto di riferimento. La linea da loro fondata si sarebbe rivelata un immenso successo commerciale per Maranello, con una produzione pari a 2.487 GT coupé e 1.274 GTS spyder quando il modello fu interrotto nel 1974.

Informazioni sull'auto:

Questo splendido esemplare è presentato in Giallo Fly (Fly Yellow) con interni in pelle nera a contrasto, quest'ultimo caratterizzato da inserti dei sedili 'Daytona'. Nata nel 1972, questa vettura con numeri matching  ha avuto un restauro completo eseguito nel 2016 dagli specialisti di Foskers Ferrari che ha superato le 400.000 sterline. Da allora l'auto ha percorso il chilometraggio di manutenzione ed è in condizioni da collezione da concorso.

Disponibile da Veloce Classic Italia SRLS a Padova, Italia

DEPOSIT TAKEN 

Interested about our 1972 Ferrari Dino 246 GT? use the form below and we will get in touch

Name 
Email 
Phone 
Message 
Please enter the following nggoqtuj Help us prevent SPAM!